tremautoOfficinaEsterno

Centro revisioni autorizzato di Desenzano

La Revisione Periodica obbligatoria degli autoveicoli

Riguarda tutti gli autoveicoli in circolazione ed i loro rimorchi; dal 1° Gennaio 2000 la periodicità di questo controllo si è allineata alla cadenza della Comunità Europea come già previsto dall'articolo 80 del Nuovo Codice della Strada.


Tariffe

  1. Per ogni tipo di veicolo (autoveicolo, motoveicolo o ciclomotore) il costo è lo stesso, € 65,15 IVA compresa, di cui:€ 54,45 - revisione (L. 104.559 - tariffa in vigore dal 20/10/07, vedi Decreto 02/08/07 n. 161)
  2. € 10,70 - bollettino diritti D.T.T. (L. 20.718 - comprese spese postali, maggiorate di 0,70 € dal 03/01/05 per effetto del Decreto 12/08/04.
 

La nuova tariffa relativa ai diritti DTT è stata introdotta con Decreto 12/04/07 a partire dal 31/05/07.)
 

REVISIONI ANNUALI - riguardano:
 

  1. Autobus
  2. Autoveicoli isolati di massa complessiva a pieno carico superiore a 3,5 t.
  3. Rimorchi di massa complessiva a pieno carico superiore a 3,5 t.
  4. Autoveicoli e motoveicoli in servizio di piazza o di noleggio con conducente (es. taxi)
  5. Autoambulanze
  6. Veicoli atipici

Questi autoveicoli devono essere sottoposti a revisione a partire dall'anno successivo a quello di prima immatricolazione entro il mese di rilascio della carta di circolazione e successivamente ogni anno entro il mese corrispondente a quello in cui è stata effettuata l'ultima revisione.
 

REVISIONI PERIODICHE (quadriennale e biennale) - riguardano:
 

  1. Autocarri, motocarri e auto/motoveicoli per uso speciale o per trasporti specifici di cose aventi massa complessiva a pieno carico inferiore a 3,5 t.; quadricicli a motore
  2. Autovetture ed autoveicoli per trasporto promiscuo ad uso privato (compreso l'eventuale carrello appendice), autocaravan (vedi Circolare prot. 36101 del 23 aprile 2008)
  3. Motoveicoli e ciclomotori (compresi i quadricicli).
     

Questi autoveicoli devono essere sottoposti a revisione periodica per la prima volta nel quarto anno successivo a quello di prima immatricolazione entro il mese di rilascio della carta di circolazione e successivamente ogni due anni entro il mese corrispondente a quello in cui è stata effettuata l'ultima revisione.

N. B.: Eventuale carrello appendice deve OBBLIGATORIAMENTE essere sottoposto a revisione INSIEME al veicolo al quale è abbinato (vedi anche approfondimenti).


Fra i veicoli atipici, previsti dal comma 4 dell'art. 80 del Nuovo Codice della Strada, sottolineamo particolarmente quelli definiti dall'art. 60 N.C.d.S., cioè i motoveicoli e gli autoveicoli d'epoca e di interesse storico e collezionistico. Non essendo mai stato pubblicato un decreto attuativo dell'art. 80 riguardante i veicoli atipici, questi finora NON erano sottoposti ad obbligo di revisione; con la Circolare del D.T.T. n. 4437/M360 del 26/11/2003, punto 10 questa situazione è stata sanata in quanto viene appunto sottolineato l'obbligo della revisione annuale per questi veicoli in caso di circolazione su strada.


Finalmente, il 19 marzo 2010 é stato pubblicato sul Supplemento Ordinario n. 55 alla Gazzetta Ufficiale n. 65, ed é entrato in vigore il giorno successivo, l'apposito Decreto 17 dicembre 2009 ("Disciplina e procedure per l’iscrizione dei veicoli di interesse storico e collezionistico nei registri, nonché per la loro riammissione in circolazione e la revisione periodica") che ne disciplina i requisiti e, fra le altre cose, ne riporta la revisione a cadenza BIENNALE; le disposizioni complementari al decreto sono fornite dalla Circolare prot. n. 19277/23.25 del 3 marzo 2010.


Si sottolinea che i veicoli di interesse storico e collezionistico costruiti prima del 1° gennaio 1960 sono effettuate esclusivamente dai competenti uffici motorizzazione civile.


Nel 2008 devono quindi essere sottoposti a revisione gli autoveicoli immatricolati per la prima volta nel 2004 entro il mese di rilascio delle Carta di Circolazione e quelli già revisionati nel 2006 entro il mese in cui è stata effettuata l'ultima revisione.


Non è consentita la circolazione dopo la scadenza della revisione, tuttavia gli autoveicoli sottoposti a revisione annuale, e solo questi, possono circolare fino alla data della prima prenotazione se questa è stata effettuata entro la scadenza.

 

  1. Rimorchi di massa complessiva a pieno carico fino a 3,5 t
     

Nel 2010 devono quindi essere sottoposti a revisione gli autoveicoli immatricolati per la prima volta nel 2006 entro il mese di rilascio delle Carta di Circolazione e quelli già revisionati nel 2008 entro il mese in cui è stata effettuata l'ultima revisione.